Messico, spiato anche un team che indagava sulla scomparsa degli studenti di Ayotzinapa

Lo scorso 19 giugno il New York Times, Citizen Lab e alcune ONG avevano accusato il governo di Enrique Peña Nieto di aver spiato diversi giornalisti e attivisti con l’ausilio di un software di sorveglianza.

Da quel giorno lo scandalo #GobiernoEspía (così è stato soprannominato) sembra allargarsi sempre di più: a fine giugno sempre Citizen Lab aveva rivelato che nella lista dei bersagli figuravano anche tre politici del principale partito d’opposizione, mentre lunedì gli stessi ricercatori hanno confermato che tra le persone prese di mira dal cyber-spionaggio c’erano addirittura i membri del GIEI, il team internazionale di esperti che fino allo scorso anno ha indagato in maniera indipendente sulla sparizione dei quarantatré studenti di Ayotzinapa.

Continua a leggere su Eastwest.


Puoi seguirmi su Twitter: @marcodellaguzzo

Immagine via Sergio Ortiz Borbolla/Amnesty International.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...